UMANITA': ANNO SELEZIONATO 2014

UMANITA'

 

ALTRI ANIMALI

 

Torna in Italia Jane Goodall - ANNO 2014
L’Italia celebra gli ottant’anni di Jane Goodall,
primatologa di fama mondiale e Messaggero di Pace per le Nazioni Unite


Una celebre foto di Jane Goodall nel parco di Gombe. Fotografia di Derek Bryceson, per gentile concessione Jane Goodall Institute.
Il weekend italiano di Jane Goodall - National Geographic Italia

In libreria dal 22 Ottobre il nuovo libro di Jane:
"La mia vita con gli scimpanzé
Una storia dalla parte degli animali"

A ventisei anni, con un diploma di segretaria in tasca, Jane Goodall parte per la Tanzania. In valigia, giusto la curiosità, il coraggio, la passione per gli animali e una certa dose d’incoscienza.

È la prima volta che una persona pianta una tenda in una foresta e si mette a seguire gli scimpanzé in casa loro. L’obiettivo, ardito, appassionante e pericoloso, è capire come si comportano gli animali più simili a noi.
I figli e i nipoti di quegli scimpanzé vivono ora nel Parco di Gombe, dove si trova uno dei centri più importanti per studiare le grandi scimmie antropomorfe nel loro ambiente naturale. Ma accanto alla scienza, nel cuore di Jane Goodall c’è la conservazione degli animali e del loro ambiente. Conservazione che passa attraverso l’educazione e il sostegno delle popolazioni locali.

Oggi la primatologa più carismatica al mondo viaggia come una globetrotter e ovunque si ferma trasmette il suo messaggio di amore per i primati e di difesa degli esseri più deboli e disarmati del pianeta, umani inclusi.

La mia vita con gli scimpanzé fa parte della collana Chiavi di Lettura a cura di Lisa Vozza. Sono piccoli libri scritti da scienziati e divulgatori di valore.
Affrontano temi di rilievo per la realtà contemporanea con un linguaggio chiaro, esatto, rapido.

Il JGI per l'ambiente e la solidarietà a Lazise (Verona )

Amadio Gonella e Tiziana Lovato vi aspettano a Lazise, vicino Verona, allo stand JGI con laboratori creativi all'insegna dell'allegria e dell'amicizia, in occasione della manifestazione "Piatti e Sapori".

Marcia per gli Elefanti ed i Rinoceronti
Roma Sabato 4 Ottobre Piazza del Pantheon ore 17.00 e concerto finale
VODEOMESSAGGIO DI JANE GOODALL

Su Youtube il videomessaggio di Jane Goodall contro lo sterminio di elefanti e rinoceronti:
Molti di voi sono al corrente del massacro di elefanti e rinoceronti per le loro zanne e corni. Si stima che il bracconaggio stia uccidendo 35.000 e più elefanti e oltre 1.000 rinoceronti ogni anno. La marcia di domani 4 ottobre che si terrà in tutto il mondo serve per richiamare l’attenzione sul bracconaggio illegale di elefanti e rinoceronti.

Non restiamo indifferenti!
www.march4elephantsandrhinos.org.

"Musica per la Tanzania"
Firenze, Auditorium Santa Apollonia
TENUTOSI il 4 giugno 2014 ore 21.00

Al "Sanganigwa Children's Home" sono stati installati i pannelli solari acquistati con i proventi del concerto tenutosi a Firenze presso l'Auditorium di Santa Apollonia il 4 giugno scorso.
Adesso un'altra casa famiglia è provvista costantemente di elettricità; i bambini e la 'mama' che vi abitano hanno, 24 ore al giorno, disponibilità di corrente elettrica accumulata nelle apposite batterie.
Grazie ai musicisti, ai volontari e a tutto il pubblico intervenuto!

Possibilità di ricerca sul campo con il JGI in Africa occidentale

Il Jane Goodall Institute nell’ambito del suo Programma di conservazione dello scimpanzè in Africa occidentale, basato nella Stazione biologica Fouta Djallon a Dindéfélo, Sénégal, ha bisogno di due ricercatori per lavorare a nord della Guinée Conakry, poco distante dalla Stazione. La durata minima è di 1 anno: preferibilmente una coppia o due amici, primatologi, biologi, agronomi, ecologi, ambientalisti, con esperienza in materia di aree protette ed educazione ambientale. Il francese è obbligatorio. Il JGI non corrisponde un salario per queste posizioni (per favore chiedete i costi di permanenza se interessati) ma vi è possibilità di rimborso. L’integrazione all’interno dell’équipe del JGI In Africa occidentale offre l’opportunità di essere formato e di acquisire esperienza nella ricerca sul campo, nella conservazione, nella gestione delle aree protette, nell’educazione ambientale, nella cooperazione internazionale ed altre discipline, oltre ad una esperienza di arricchimento personale eccezionale.

Contattare info@janegoodall.es entro il 20 settembre per maggiori dettagli.

Anuncio del Instituto Jane Goodall España /JGI Spain announcement

Partecipazione del JGI ITALIA alla tavola rotonda
nell'ambito dell'iniziativa Caravanserragli e Lune

Sabato 9 Agosto 2014. Nell'ambito dell'iniziativa Caravanserragli e Lune, presso l'Ecomuseo di Castellina Marittima (PI), il Jane Goodall Institute Italia ha partecipato alla tavola rotonda "Il Volontariato nella Cooperazione Internazionale, risorsa o criticità? Motivazione e percorsi formativi nell'epoca della crisi".

All'interno di Caravanserragli e Lune, il cui cuore è un'esposizione fotografica collettiva, è esposta anche una presentazione della mostra "Le Forme della Bellezza" risultato finale del progetto condotto dal JGI Italia Roots&Shoots nell'Istituto Penitenziario Minorile di Nisida (Napoli).
Il titolo della mostra collettiva è "Il viaggio tra sogno, esotismo ed interiorità"; il nostro viaggio, in questo caso, non copre lunghe distanze, non tende al "fuori", a spazi sterminati e lontani, alla fuga dal quotidiano, ma si dirige verso il "dentro", dentro il carcere dove il sogno diviene inevitabile e necessario, dentro le vaste interiorità di ciascuno, dentro i minuti particolari di ogni e qualsiasi quotidianità, fino a scoprire la bellezza quale motivazione a compiere, ognuno, il proprio straordinario ed unico viaggio esistenziale.


 

Una partita di calcio per crescere insieme

Lo sport continua ad essere il protagonista di questa estate 2014 per i bimbi e i ragazzi di Sanganigwa a Kigoma. Una partita di calcio, pochi giorni prima del rientro a scuola, ha visto protagonisti i ragazzi dei due centri Sanganigwa A e B, che accolgono rispettivamente ragazzi orfani e di strada. Il JGI Italia è grato a Fiorenza Ginanni, Angela Fiscante e Michele Barni per aver brillantemente portato avanti il programma ludo-educativo per i ragazzi sostenuti dal JGI Italia in Tanzania, dedicandosi alla formazione sportiva teorica e pratica dei bambini e del personale di Sanganigwa. Il loro lavoro è stato molto apprezzato, oltre che dai ragazzi, dagli operatori del Centro per i quali le attività condotte dagli educatori italiani hanno costituito un aggiornamento formativo significativo. Sappiamo che “l'attività motoria e la pratica sportiva, attraverso una corretta azione interdisciplinare, contribuiscono allo sviluppo armonico della persona e alla promozione della cultura della legalità attraverso la pratica del rispetto dell'altro, delle regole e del fair play”. Le attività ludico-sportiva sono uno strumento di educazione importante, invita alla partecipazione, alla socializzazione e alla condivisione; promuove senso di appartenenza, sana competizione e rispetto. Lo sport è un diritto fondamentale per tutti i bambini.


 

Le Olimpiadi di Sanganigwa

Dal 31 luglio al 2 agosto Fiorenza Ginanni insieme ad altri due volontari JGI, Michele Barni ed Angela Fisicante, hanno organizzato una serie di gare che hanno coinvolto e divertito i ragazzi di Sanganigwa, il centro di accoglienza finanziato dal JGI Italia per i bimbi orfani per l’AIDS della regione Kigoma, in Tanzania.
Le discipline nelle quali i bambini si sono cimentati: calcio, pallavolo, salto in lungo, corsa di velocità e lancio del vortex (per queste prove individuali c'erano le medaglie). La sabbia è ideale per alcune discipline che sono state organizzate sulla spiaggia del Tanganyika. Nel pomeriggio del 2 agosto si è tenuta la gara di palla a mano seguita dalla cerimonia di chiusura con consegna medaglie di partecipazione e targa per il coordinatore di Sanganigwa Children’s Home, Kenneth Hageze, in ricordo dei giochi. Ragazzi e bambini hanno risposto molto bene all’iniziativa: grande scoperta come gioco di squadra la palla a mano, dove anche le femmine hanno partecipato attivamente e con successo.
Fuori Olimpiadi si terrà a breve una partita di calcio tra i ragazzi di Sanganigwa e del Centro per ragazzi di strada Sanganigwa B, in palio una coppa “copia di quella dei mondiali di calcio”. Le squadre saranno miste, e a fine partite latte per tutti!
Lo sport è davvero un veicolo incredibile...
I volontari Italiani sono a Sanganigwa per svolgere con i bambini una serie di attività ludo-educative e per collaborare al buon funzionamento delle case-famiglia contribuendo a sviluppare programmi per il risparmio energetico e per il benessere degli animali del Centro.

Jane Goodall visita la Casa del Volontario del JGI Italia a Kigoma

Jane Goodall, a Gombe per festeggiare il 14 luglio 54 anni dal suo arrivo nella foresta sulle sponde del Tanganyika e i suoi 80 anni, ha partecipato a Kigoma alle iniziative del JGI Italia per i giovani del territorio e alla Jane Goodall Football Cup organizzata da Roots&Shoots Tanzania che ha visto la partecipazione di 16 scuole secondarie della regione. Nel corso della sua permanenza a Kigoma la scienziata ha voluto visitare la Casa del Volontario realizzata dal JGI Italia all’interno del complesso che ospita l’orfanotrofio Sanganigwa. La guest-house è destinata ad accogliere volontari internazionali che desiderano fare un’esperienza sul campo per contribuire concretamente a migliorare le condizioni ambientali e sociali della comunità di Kigoma, nei pressi del Parco Nazionale di Gombe. La R&S Volunteer guest house prevede una donazione giornaliera che oltre a coprire i costi di pulizia e manutenzione contribuisce a sostenere agli studi i bimbi dell’orfanotrofio. E’ possibile soggiornare nella guest-house anche come semplici turisti in visita a Gombe o per una vacanza sulle magnifiche spiagge del Tanganyika.

Sanganigwa si illumina
Grazie ad Annalisa e Eugenio

L’obiettivo del JGI di rendere il Centro di accoglienza per bimbi orfani per l’AIDS “Sanganigwa Children’s Home” di Kigoma una struttura totalmente indipendente dal punto di vista energetico è sempre più vicino. Grazie ad Eugenio Manghi e Annalisa Losacco, illustri filmaker autori di fotografie e documentari indimenticabili, due edifici dell’orfanotrofio saranno presto dotati di pannelli solari. Una donazione di grandissimo valore che garantisce una riduzione definitiva delle spese annuali sostenute dall’orfanotrofio per l’erogazione della corrente elettrica. L’impiego di pannelli solari è ricercato dal JGI anche perché permette di ridurre l’impatto sull’ambiente, in particolare sul lago Tanganyika, causato dalla centrale elettrica della città che purtroppo, spesso, provoca perdite di gasolio che penetrano nel lago. Inoltre, l’installazione dei pannelli è un momento istruttivo per quei ragazzi del Centro che frequentano la scuola professionale per elettricisti. Uno dei ragazzi, già in possesso di diploma, è impiegato per l’occasione come assistente tecnico dalla impresa selezionata localmente dal JGI Italia.
Il Jane Goodall Institute è grato a Eugenio e Annalisa per il prezioso contributo, una partecipazione vera e molto generosa che lascia il segno, accende nuove luci sul futuro dell’Eco- Villaggio dei Bambini Sanganigwa!

Reportage dalla Tanzania del filmaker Eugenio Manghi su Prealpina

Il quotidiano di Varese Prealpina dedica un articolo all’ultimo reportage del regista e fotoreporter Eugenio Manghi che insieme alla moglie, la fotografa e filmaker Annalisa Losacco, ha visitato il progetto del JGI Italia “Sanganigwa” per i bambini della regione di Kigoma e incontrato Jane Goodall.
LEGGI L’ARTICOLO.

Un festival memorabile

A Kigoma si continua a parlare del Festival R&S che alla presenza di Jane Goodall ha visto 120 ragazzi impegnati in varie performance dedicate alla protezione della natura e alla salute. Nelle immagini alcuni dei giovani che vi hanno partecipato e la giuria, composta dalla fotografa e filmaker Annalisa Losacco, dall’assessore comunale alla cultura e allo sport Mvite H. Sombe e all’assessore provinciale alla cultura Juma H. Nshoye.



 

Il Festival per l’ambiente Roots&Shoots 2014 a Kigoma

Il 20 luglio si è tenuto a Kigoma il quarto festival per l’ambiente organizzato dal JGI Italia presso Sanganigwa durante il quale la comunità di Kigoma ha anche festeggiato gli 80 anni di Jane Goodall, ospite d’onore. Al suo arrivo il pubblico ha accolto Jane Goodall con un classico Happy Birthday cantato sia in inglese che in swahili. Nel corso del festival sono stati consegnati i premi Dr. Jane Goodall, Mama Giuliana e Adrian Jackson. Vi hanno aderito sette organizzazioni locali impegnate nel sociale: Sanganigwa A, Sanganigwa Street Children Programme, YAPA, MOKACHI, KIVIDEA, Watoto wa Sherika, Sokoinne primary school. Si sono susseguite cinque performance teatrali e canore tenute da 120 tra bambini e ragazzi, membri attivi del programma di educazione ambientale Roots&Shoots del JGI. I temi proposti per questo quarto festival R&S: lo scimpanzé e il suo ambiente naturale e l’igiene ambientale. L’evento, in collaborazione con R&S Tanzania, si è concluso con la proiezione a cielo aperto del film di Eugenio Manghi “Escape Routes”, introdotto dallo stesso autore. Il pubblico della manifestazione e tutti i ragazzi del Festival hanno seguito il film in magico silenzio, per la prima volta catturati dalla varietà degli ambienti che popola la terra, dagli animali dei climi freddi, dalle immagini sorprendenti di insetti laboriosi. Il premio Dr. Goodall è stato vinto da Sanganigwa A per una performance sulla vita dello scimpanzé, il Mama Giuliana è andato a MOKACHI per un poema cantato sulla bellezza della natura. Due premi per i migliori interpreti a Sanganigwa Street Children e a Sokoinne Primary School. La giuria era composta dagli assessori al sociale e allo spettacolo e dalla fotografa italiana Annalisa Losacco. Tutti i 120 ragazzi che hanno partecipato hanno ricevuto, come ogni anno, un pacco regalo con materiale scolastico e dolciumi.
In occasione del compleanno della scienziata le donne della cooperativa Sanganigwa Tayloring Group creata dal JGI Italia per l’auto-sostentamento le hanno donato alcuni loro manufatti.

In Viaggio verso Gombe con Jane

Il progetto Sanganigwa del JGI Italia include il programma R&S di educazione ambientale che ha l’obiettivo di far conoscere ai ragazzi del Centro di accoglienza gestito dal JGI Italia a Kigoma, in Tanzania, il mondo della natura e di sensibilizzarli verso la tutela della biodiversità. Nell’ambito delle attività R&S, il 16 luglio un gruppo di ragazzi di Sanganigwa ha visitato la foresta del parco nazionale di Gombe e osservato gli scimpanzé. I ragazzi erano accompagnati dalla presidente Daniela De Donno - a Kigoma per una missione di valutazione del progetto e per la realizzazione del Festival R&S per l’Ambiente 2014 - la fotografa naturalista Annalisa Losacco e il regista Eugenio Manghi. Dopo due ore di navigazione il gruppo ha raggiunto Gombe dove oltre alla bellezza della foresta che si immerge nel Tanganica e allo stupore che l’osservazione degli scimpanzé inevitabilmente crea i ragazzi hanno avuto l’emozione di incontrare Jane Goodall.

"Musica per la Tanzania"
Firenze, Auditorium Santa Apollonia
4 giugno 2014 ore 21.00

Il JGI vi aspetta il 4 giugno per celebrare insieme la giornata mondiale dell'ambiente con un concerto variegato che prevede la partecipazione dei musicisti Alessandro Lanzoni e Barbara Casini, Ivano Battiston, GaiaEnsemble, concerto organizzato da Anna Mannini.
L’incasso sarà interamente devoluto all’acquisto di pannelli solari per le case-famiglia dell'orfanotrofio "Sanganigwa" di Kigoma, Tanzania, che ospita, cura, educa e forma professionalmente bambini, di tutte le etnie e religioni, resi orfani dall’Aids.

I dettagli della serata nel link alla locandina... Leggi il Comunicato Stampa

Articoli quotidiani online:
quotidiano "la Repubblica" (Redazione Firenze)... Leggi Articolo

quotidiano "la Nazione" (Redazione Firenze)... Leggi Articolo
quotidiano online gonews... Leggi Articolo

Articoli edizioni cartacee:
quotidiano "la Repubblica" (Redazione Firenze)... Leggi Articolo

quotidiano "la Nazione" (Redazione Firenze)... Leggi Articolo
quotidiano "la Corriere della Sera" (Redazione Firenze)... Leggi Articolo

Correre per gli scimpanzé

Il JGI Belgio ha un nuovo team di 24 corridori che partecipano nel corso dell’anno alle gare podistiche che si tengono in varie parti del paese. L’obiettivo è sostenere l’oasi JGI Tchimpounga Chimpanzee Rehabilitation Center in Congo Brazaville che si prende cura di 155 scimpanzé strappati al traffico illegale, confiscati dalle autorità locali ai bracconieri. Il prossimo appuntamento la 20 Km di Bruxelles.
http://www.daretofund.co/#/dares/535d530152832073127378a6
https://www.youtube.com/watch?v=b_td0EaSUwk

Jane Goodall a Bruxelles
La Stampa: “Salvo le scimmie per salvare tutti noi”

L’articolo di Marco Zatterin su La Stampa (7 /5/14) racconta le nuove sfide di Jane Goodall incontrata a Bruxelles dove la scienziata è stata accolta da centinaia di giovani che partecipano al programma educativo internazionale Roots&Shoots. I ragazzi hanno festeggiato la dottoressa Goodall che quest’anno compie 80 anni. Il JGI in Italia attende Jane il prossimo ottobre.


©JGI

L’Atletica Tusculum ospita lo stand di JGI-Italia
25 Aprile 2014

A Villa Torlonia JGI-Italia ha presentato il 25 aprile i propri progetti in occasione del ‘Giro delle Ville Tuscolane’, grazie all’ospitalità di ‘Atletica Tusculum’, Frascati (RM), che ha generosamente concesso al JGI uno spazio. Questa associazione dilettantistica sportiva promuove da anni quella che è una simpatica e caratteristica gara podistica che attira un numero sempre maggiore di concorrenti, atleti e non, anche grazie alla speciale cornice paesaggistica e artistica in cui si svolge. Sensibile al sociale, l’Atletica Tusculum ha permesso di portare la nostra onlus, i suoi scopi e il progetto Sanganigwa in particolare a conoscenza di un più vasto pubblico.
Leggi gli articoli
http://www.atleticatusculum.it/
http://www.atleticatusculum.it/?p=2892

Rassegna Biofioricola
25-26-27 aprile 2014 - Pelago (FI)

Torna a Pelago (FI), il consueto appuntamento di primavera con la rassegna Biofioricola. La coordinatrice locale del JGI Italia, Fiorella Braccini del Lungo, insieme al gruppo "Lucia Rasponi-Terza età", continua la promozione del Progetto Sartoria a Kigoma, Tanzania che vede impegnate le ragazze di Sanganigwa A e B diventate sarte grazie anche al sostegno del Comune di Pelago.
Inoltre, sempre presso la palestra, il 25 dalle 16 saranno realizzati da Fiorella Braccini del Lungo due laboratori creativi: per i bambini più piccoli "La Danza delle Ore" e per i più grandi "Riciclando nell'Arte".

SEEDS OF HOPE
Semi di Speranza. Saggezza e Stupore dal mondo delle Piante
L’ultima pubblicazione di Jane Goodall

E’ uscito Seeds of Hope, ma non ancora tradotto in Italia. “Lo stile inimitabile di Goodall e il senso di meraviglia trascinano il lettore in ogni descrizione....Il mix di personale e scientifico ne rendono la lettura un obbligo” questo il commento di Booklist.
In un'epoca in cui le crisi del riscaldamento globale e del degrado ambientale sono alcuni degli argomenti giornalieri più caldi, SEMI DI SPERANZA introduce una voce di speranza - e un ragionamento sul fatto che possiamo tutti trasformare il benessere del nostro pianeta.
Nel suo libro saggio ed elegante, la Dott.ssa Jane Goodall unisce la sua esperienza sulla natura con il suo entusiasmo per la botanica per dare ai lettori una comprensione più profonda del mondo intorno a noi. Guardando al pianeta come ricercatrice, scienziata, appassionata di cibi eco-sostenibili e giardinaggio, Goodall fornisce una storia illuminante delle meraviglie che possiamo trovare nei nostri stessi cortili/giardini sul retro della casa.
Molto prima del suo lavoro con gli scimpanzé, la passione di Goodall per il mondo naturale è sbocciato nel cortile della sua casa d'infanzia in Inghilterra, dove si arrampicava sul suo faggio e faceva liquore di sambuco con sua nonna. Del giardino che la sua famiglia ha iniziato allora Jane continua a godere ancora oggi.
SEMI DI SPERANZA ci porta dall'Inghilterra alla sua casa lontano in Africa, nel profondo interno della foresta di Gombe, dove lei e gli scimpanzé sono incantati dagli alberi di fichi e prugne che incontrano. Ci introduce a botanici di tutto il mondo, come pure a posti dove si può trovare la speranza per le piante, come La Banca dei Semi del Millennio (The Millennium Seed Bank), dove sono conservati 1 milione di semi. Ci mostra il mondo segreto delle piante con tutti i loro misteri e il potenziale per curare i nostri corpi, come pure il pianeta terra. E, forse ancora più importante, stabilisce semplici traguardi che possiamo raggiungere per proteggere le piante intorno a noi.

Roots&Shoots Italia invia gli Auguri a Dott. Jane per il suo 80° compleanno

Cara Jane,
per te un mazzo di fiori in colorate bottiglie riciclate, anche fossero stati veri non avresti potuto sentirne il profumo, sei a migliaia di km di distanza, ma molto vicina ai nostri cuori! Come torta un profiterol italiano in giornali, scarti di gesso, tappi colorati, un vero profiterol sarebbe stato squisito ma non avresti potuto assaggiarlo comunque perché sei lontana nello spazio, ma sempre al nostro fianco nella nostra azione quotidiana per un mondo migliore!
Milioni di auguri!
video realizzato dal gruppo R&S Scuola G.Galilei sez. M Cecina (Livorno) Italia.

VAI ALLA NEWS COMPLETA CON TUTTI I FESTEGGIAMENTI.



©JGI, Giza Zoo, Cairo. Dina Zulficar, Daniela De Donno, Fatma Tamman

Il JGI Italia e lo zoo del Cairo.

Il JGI Italia ha donato allo zoo del Cairo altri 5 distributori automatici di acqua di fabbricazione italiana, non disponibili in Egitto, per le strutture dei primati. Il materiale è stato consegnato il 18 marzo da Daniela De Donno a Fatma Tammam sottosegretario di stato incaricato per gli zoo e la conservazione della natura.
Sabato 29 marzo alle ore 10.00 lo zoo di Giza organizza un evento dedicato a Jane Goodall. Saranno presenti Daniela De Donno e la animalista egiziana Dina Zulficar, attivista per i diritti degli animali e Membro del comitato egiziano per la Biodiversità (CBD). Nel corso dell’evento i giovani visitatori dello zoo saranno invitati a realizzare oggetti per l’arricchimento delle gabbie degli scimpanzé.

Il JGI ITALIA a Geo&Geo
martedì 25 marzo, RAI 3.

Il 25 marzo alle 15:50 la Presidente del JGI Italia Daniela De Donno interverrà alla trasmissione Geo&Geo su Rai 3. Non perdetevela! Potete seguire la diretta anche attraverso il sito: Geo&Geo.

Geo&Geo: L’intervista di Emanuele Biggi a Daniela De Donno:
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem.html

-----------------------------------------------

 JGI in Italia e nel mondo
Incontro con Daniela De Donno
Roma, Istituto Superiore di Sanità
24 marzo ore 14.00

La presidente Daniela De Donno terrà un seminario a Roma presso il dipartimento di Neuroscienze dell' Istituto Superiore di Sanità il 24 marzo alle ore 14.00 dal titolo:

Il Jane Goodall Institute for wildlife research, education and conservation in Italia e nel mondo”.
info@janegoodall-italia.org


©JGI-Italia

Il tour di Angel Van Lawick nell’arcipelago Roots&Shoots italiano

1-16 MARZO 2014

Il tour in Italia di Angel Van Lawick, 19 anni, tanzaniana, nipote di Jane Goodall e ambasciatrice Roots&Shoots è stata un’occasione per fare un viaggio attraverso l’Italia, da Nord a Sud, muovendosi di tappa in tappa tra alcuni dei club R&S italiani. Angel è arrivata da Vienna, dove ha incontrato gli amici austriaci di R&S, il 1° di Marzo, il giorno dopo è subito stata accolta dal gruppo Riscatto, in provincia di Livorno, ed invitata alla loro festa di Carnevale; il tour è proseguito a Pelago (FI) , e poi verso sud, a Napoli, all’Ist. Penitenziario Minorile Nisida; da Napoli in treno verso il Nord Est, Padova, Venezia, Verona e il lago di Garda, infine il ritorno nel Centro Italia a Cecina (Li), Livorno, Pisa, da dove è partita alla volta della Spagna per nuove avventure R&S.

CONTINUA A LEGGERE L'INTERO TOUR

Conversazione con Jane Goodall
La crisi del bracconaggio in Africa

Live tweetting della conferenza di Jane Goodall presso la sede centrale della Banca Mondiale a Washington sul tema del bracconaggio che è tornato ad essere purtroppo tema centrale per la tutela della biodiversità in Africa.
http://live.worldbank.org/jane-goodall-wildlife-poaching-crisis-africa


©JGI-Italia

Il neoiscritto gruppo R&S "RISCATTO" incontra Angel Van Lawick

Il gruppo R&S Riscatto di Cecina ha esordito nel mondo Roots& Shoots ospitando ieri, domenica 2 marzo, Angel Van Lawick, ambasciatrice di Roots & Shoots e nipote di Jane Goodall.
Angel, diciannovenne anglo-tanzaniana residente a Dar Es Salaam, é in Europa in visita ai gruppi Roots&Shoots inglesi, olandesi, belgi, austriaci, italiani, spagnoli.
Il gruppo Riscatto è un gruppo fotografico costituito da ragazzi con disabilità, i fotografi sono bravissimi nel catturare immagini insolite del loro territorio con cui già hanno allestito diverse mostre. Il gruppo ha aderito al programma Roots& Shoots con l'intento di valorizzare la condivisione del loro punto di vista con la comunità e con la volontà di far parte di una comunità più grande, internazionale. Angel, insieme alla coordinatrice nazionale R&S del JGI Italia Francesca Chiellini hanno trascorso una intera giornata con i “Riscatto” partecipando alle attività del gruppo che è adesso impegnato in un lavoro specifico sull'autoritratto. I giovani fotografi hanno consegnato ad Angel un dono per Jane per il suo prossimo 80° compleanno: la foto di un grande albero "con potenti radici e rigogliosi germogli", ha spiegato il loro portavoce. Infine Angel e Francesca sono state accolte alla festa di carnevale organizzata da "Efesto", associazione di famiglie per l'auto-aiuto che sostiene il gruppo fotografico. Una giornata all'insegna della gioia e dell'affetto, un'occasione perfetta per dare ad Angel il benvenuto in Italia e ai ragazzi di Riscatto il benvenuto nella grande famiglia Roots & Shoots!


©JGI-Italia

Le Forme della Bellezza
Un attestato di partecipazione ai ragazzi di Nisida
27 febbraio ore 14,00

I ragazzi dell’I.P.M. di Nisida che hanno realizzato gli scatti raccolti nella mostra fotografica “Le Forme della Bellezza” ideata dal Jane Goodall Institute Italia con il patrocinio e la sponsorizzazione dell’Assessorato all’Ecologia e all’Ambiente della Regione Campania, riceveranno un attestato di partecipazione a testimonianza del loro impegno nel progetto, un’esperienza che ha profondamente segnato le loro vite aprendogli gli occhi verso un nuovo modo di guardare alle cose.

Leggi il Comunicato Stampa

CLICCA PER INGRANDIRE

Il carnevale dei bambini di Pelago
“Sotto il segno della pace”
Pelago (FI) - 23 febbraio 2014

In collaborazione con lo pro loco di Pelago, Fiorella Braccini Del Lungo, coordinatrice locale JGI Italia, ha esposto in piazza Ghiberti il 23 febbraio scorso la colomba gigante del Jane Goodall Institute, simbolo di Pace, realizzata in materiale riciclato.
I bambini di Pelago hanno festeggiato un carnevale davvero originale: una giornata di divertimento all’insegna della Pace.

 

 

 

 

 

 

 


 

Il Jane Goodall Institute Italia Unomattina - TG1 Fa' la cosa giusta
Martedì 14 gennaio ore 9.20

AGI- "La bellezza salverà il mondo" diceva lo scrittore russo Dostoevskij. Ma cos'è la bellezza? Dove trovarla e come rappresentarla? Martedì 14 gennaio alle 9.20 su Rai1 a Tg1/Fa' la cosa giusta, "Le forme della bellezza" secondo i ragazzi dell'Istituto Penale per Minorenni di Nisida.

Con la macchina fotografica i ragazzi dell'Istituto Penale per Minorenni di Nisida l'hanno cercata e fotografata tra di loro, nella natura , tra gli animali. Il progetto nasce dal programma promosso dalla scienziata internazionale Jane Goodall, messaggero di pace dell'Onu. La Goodall, che quest'anno compie ottant'anni, considerata una pietra miliare nello studio del comportamento animale, ha conquistato i ragazzi per il suo coraggio e ricerca per la salvaguardia degli scimpanzé. Le foto della mostra sulle "forme della bellezza" andranno ad abbellire le case degli orfani e ragazzi di strada in Tanzania, accanto al parco nazionale di Gombe dove è attivo il Jane Goodall Institute. A Tg1/Fa' la cosa giusta, a cura di Giovanna Rossiello, Gianluca Guida, direttore dell'Istituto Penitenziario Minorile di Nisida, Daniela De Donno, presidente del Jane Goodall Institute Italia, volontari e i ragazzi del progetto. (AGI).

Guarda il VIDEO sul sito della RAI.

------------------------------------

Le Forme della Bellezza. Ogni persona è un progetto.
Mostra fotografica
10 gennaio 2014 ore 10.30
Nisida - Sala Conferenze, Napoli

Con l'adesione e la medaglia del Presidente della Repubblica si inaugura a Napoli il 10 gennaio la mostra fotografica itinerante del Jane Goodall Institute Italia 'Le Forme della Bellezza. Ogni persona è un progetto'. La mostra è il risultato dell'omonimo progetto formativo Roots&Shoots, sostenuto dall'Assessorato all'Ecologia della Regione Campania, realizzato dal JGI nel penitenziario minorile di Nisida, Napoli, e che ha visto la partecipazione di 18 ragazzi detenuti. La mostra si articola in quattro sezioni: Bellezza e Identità, Bellezza e Natura DENTRO, Bellezza ed Energia, (S)Velarsi.
La mostra si inaugura alle 10.30 alla presenza del direttore del P.M. Nisida dr. Gianluca Guida, del dottor Antonio Esposito in rappresentanza della Regione Campania, della dottoressa Daniela De Donno, presidente del JGI Italia insieme a Francesca Chiellini, alla dottoressa Maria Sannino e al fotografo Marcello Merenda reonsabili del progetto. La conferenza stampa nel corso della inaugurazione sarà introdotta dalla giornalista e conduttrice Rai Giovanna Rossiello.

Leggi il Comunicato Stampa.    Info@janegoodall-italia.org.

CLICCA PER INGRANDIRE


©Layout of the JGI Research Station

Dr. Jane Goodall inaugura in Senegal il primo centro per la ricerca e la tutela dello scimpanzé

Dr. Jane Goodall ha inaugurato ufficialmente il JGI “Fouta Jallon” Biological Station, un centro per la ricerca applicata sullo scimpanzè dell’Africa Occidentale (Pan troglodytes verus), una sottospecie che è ad alto rischio di estinzione in Senegal. Il centro, ubicato nella comunità rurale di Dindefelo, è gestito dal Jane Goodall Institute Spagna, che lavora insieme alle autorità locali, regionali e Nazionali per la gestione e la tutela delle risorse naturali e della biodiversità. Jane goodall ha incontrato insieme ai responsabili spagnoli, Ferran Guallar e Lilian Pacheco, il ministro dell’ambiente senegalese Sig. Mor Ngom e le ambasciate spagnola ed inglese in Senegal. Jane ha sottolineato che questa specie, così importante a livello scieentifico, potrebbe scomparire in Senegal nei prossimi anni: “Oltre ad essere un’enorme perdita per la biodiversità, rappresenterebbe una perdita per la scienza ed il paese”, ed anche un’opportunità persa per lo sviluppo sostenibile e per l’ecoturismo nel paese, come è accaduto in altri luoghi.
La primatologa è stata molto felice di inaugurare il maestoso Centro JGI per la ricerca e la tutela e constatare il lavoro portato avanti negli anni dai 20 volontari spagnoli a dai 7 assistenti locali.
Il JGI Spagna lavora nella Regione di Kédougou dal 2009 per proteggere gli ultimi scimpanzè del paese e migliorare le condizioni di vita dei suoi abitanti. Sin dagli inizi il JGI Spagna ha focalizzato il lavoro sulla ricerca applicata alla tutela degli scimpanzè, ottenendo grandi risultati quali la creazione del Dindefelo Community Natural Reserve ed i progressi verso la futura Fouta Jallon Transfrontier Reserve che includerà territori del Senegal e della Guinea. Il JGI Spagna conduce inoltre campagne di sensibilizzazione e programmi educativi, si occupa del miglioramento delle infrastrutture e della valorizzazione dellle risorse turistiche. (http://www.janegoodall.es)
Il JGI Italia si unisce alla felicità del JGI Spagna il cui staff dichiara: “Cara famiglia JGI, Per la vostra stessa esperienza, sapete bene che in ogni ufficio ci sono lunghe ore, mesi, anni di silenzioso lavoro prima che alcuni progetti veramente “prendano vita”. E nel nostro caso adesso uno di essi ha preso vita come non mai grazie a Dr Jane e agli oltre 20 volontari che lavorano sul campo!”
Continua...

Global Forest Watch:
Una nuova dinamica Piattaforma per proteggere le Foreste in tutto il mondo

Il World Resources Institute (WRI), Google, ed un gruppo di oltre 40 partner, incluso il Jane Goodall Institue, hanno lanciato in questi giorni il Global Forest Watch (GFW), un sistema dinamico online di monitoraggio delle foreste e di denuncia che conferisce il potere alla gente ovunque di gestire le foreste. Per la prima volta, GlobalForest Watch unisce la più recente tecnologia satellitare, dati aperti, e crowdsourcing per garantire l'accesso a informazioni tempestive e affidabili sulle foreste.
“Meravigliosi progressi negli ultimi anni nell'uso dei dati e della tecnologia satellitare hanno conferito alle comunità il potere di controllare le loro foreste. Global Forest Watch collega il meglio di questi sistemi, mettendo insieme tutta questa tecnologia su una singola piattaforma che fornisce accesso a dati d'alta qualità per il mondo intero. Renderà enormi vantaggi a tutti coloro che lavorano per proteggere le foreste, e ci aiuterà ad individuare nuove minacce agli scimpanzé e a stabilire le priorità ai nostri sforzi per la conservazione," ha detto la Dr.ssa Jane Goodall del nuovo sistema. Global Forest Watch è stato costituito dal World Resources Institute con oltre 40 partners, compreso Google,l'United Nations Environment Programme (UNEP), e il Jane Goodall Institute.
Continua...

Radio Parlamento -Non Profit
Rubrica di Paola Severini

L’intervista a Daniela De Donno di Paola Severini è ora riascoltabile nel sito di Rai Parlamento al link
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem.html.

 

 

 

 

home :: chi siamo :: Jane Goodall :: Attività :: News :: Scimpanzé :: Come Sostenerci :: Letture :: Contatti :: English Version :: 5xmille

© Istituto Jane Goodall Italia Onlus C.F.: 93051410756. Tel: +39 0875 702504/06 36001799 ; Fax: +39 06 57098345